Archivi tag: berlusconi

Coraggio, il meglio è passato!

Viva Berlusconi, a morte Berlusconi!

Venti anni di presenza politica, venti anni di televisione commerciale, si puo’ dire che i giovani di oggi siano cresciuti con lui.

Ma aldila’ i titoli dei giornali, cos’e’ stato davvero il berlusconismo?

Cos’e’ stata questa esperienza  che per venti anni ha connotato la vita (non solo politica) del nostro paese?

Ridurre il berlusconismo a un semplice movimento politico sarebbe sbagliato, oltre che riduttivo, per una duplice serie di ragioni: in primo luogo quella che dal 1994 ad oggi è considerata la discesa in campo del Presidente non è stata soltanto l’ascesa politica di un imprenditore che ha scalato tutte le tappe del “cursus honorum” ( eccezion fatta per la massima carica della nostra Repubblica, obiettivo mai nascosto e forse tramontato ) ma anche e soprattutto la rivoluzione dell’intero sistema politico italiano sia in senso bipolare che in senso maggioritario.

In secondo luogo Continua a leggere

Annunci

Nessuno mi puo’ giudicare, ma forse si’

Unione Europea: entita’ sovranazionale con il compito di una comune politica monetaria (ad opera della BCE) e con intenti di uniformita’ legislativa.

L’Unione europea non puo’ decidere la sorte degli Stati membri, ne’ cio’ che accade al loro interno, ma ha il compito di sorvegliare e far rispettare gli accordi internazionali che gli Stati hanno firmato illo tempore. E tantomeno nessun Stato membro puo’ intromettersi nella gestione dell’Europa.

Cosa accade dunque?

Accade che inevitabilmente, essendo un’unione principalmente economica, in periodi simili a questo ci si “appoggia” a coloro che economicamente sono piu’ solidi, o meglio, piu’ virtuosi rispetto agli altri, sperando che il loro virus si propaghi ai malati. Le misure conseguenti che vengono proposte e spinte, sono misure di buon senso sulla base degli accordi di cui sopra e non solo.

Urge una piccola digressione:

I mercati finanziari reagiscono principalmente non agli accadimenti in quanto tali, ma alle aspettative del futuro. Ecco perche’ l’Italia, da bilancio solvibile e non in crisi, diventa una Grecia 2 sui mercati di borsa, sull’orlo del fallimento. Le misure e lo stato politico italiano non promette rosee prospettive per il futuro poiche’ le soluzioni proposte sono ridicole in confronto alla negativita’ delle aspettative.  Soluzioni ridicole a causa di una maggioranza risicata che non puo’ operare liberamente. Negativita’ delle aspettative che continua a peggiorare poiche’ dimostriamo all’estero che la classe politica e dirigente e’ preoccupata di conservare il proprio posto e i propri privilegi piuttosto che risollevare il sistema Paese.

Basterebbe far vedere che si vuole veramente cambiare pagina, volti e nomi che subito i mercati ridarebbero fiducia all’Italia. Nessuna manovra o decreto che si formuli ora ci fara’ uscire dal buco nero in cui ci siamo messi.

Ma sappiamo gia’ che non accadra’ mai.

Io mi siedo in poltrona e godo. Il piu’ grande spettacolo dopo il weekend.

Siamo noi.

E la UE.

IV*

Indignati di cippalippa

E’ passato solo qualche giorno e del 15 ottobre e della #globalrevolution gia’ se ne parla di meno. Oppure se ne parla con il rigurgito smemorato con cui ormai parliamo di Fukushima: sta li’, si stanno muovendo, qualcosa accadra’, Estiqaatsi.

E’ ormai lapalissiana e senza bisogno di commento la mancanza di un piano strategico, un progetto propositivo che vada oltre uno striscione di stoffa e che mi garantisca almeno il sogno di un’opportunita’ di giocare la mia partita di ventenne in questo sporco piccolo mondo. Niente. Spero di sentire interviste di gente incazzata, pronta davvero a tutto per i propri diritti! Accendo la tv e ascolto il giornalista domandare: “Perche’ siete qui in piazza, cosa volete? Contro chi siete?” Continua a leggere