Curare la febbre, con il cianuro.

Nessuno su twitter parla di questo. Nessuno protesta, se non quei pochi giovani che ieri, a Wall Street, agitavano il libro del senatore Ron Paul al grido di “Wake up America”. Dove sono gli studenti europei? Dove sono gli indignados? Da nessuna parte, ovviamente. Troppo impegnanti a protestare contro Berlusconi e i tagli all’Università per capire che mentre protestano perchè in un periodo di pioggia il governo gli toglie gli ombrelli, a Washington i G20 stanno preparando l’uragano Katrina.

La notizia: ieri il G20, riunito a Washington, ha stabilito come combattere la crisi dei debiti sovrani e scongiurare future crisi.

Riassumendo: si stabiliscono nuove tasse sulle transazioni finanziarie; si piloterà il default della Grecia; si ricapitalizzeranno le banche in difficoltà; si amplierà il fondo salvastati attraverso un veicolo esterno all’ EFSF (FONDO EUROPERO SALVASTATI) che doterà il fondo di liquidità.

Non voglio parlare dei primi tre punti, che sono, per inciso, finanziariamente irrilevanti. Voglio soffermarmi sul nuovo veicolo.


Ufficialmente tale veicolo ha lo scopo di immettere nel fondo salvastati una dotazione di liquidità di circa 200 miliardi di euro. Il veicolo, promosso dal G20 ed indipendente da BCE e BEI, dovrà, sempre nelle intenzioni, funzionare da deterrente per le speculazioni ed evitare futuri default. Il problema è che per curare una febbre, la crisi dei debiti sovrani europei, per la prima volta nella storia, si agisce attraverso un veicolo le cui decisioni sono prese anche da Stati Uniti, Cina, India e così via. Ogni crisi, anche nazionale, diventerà mondiale, e questa volta davvero. Significa, che gli Stati rinunciano totalmente alla loro sovranità nelle politiche monetarie e macroeconomiche, confidando nel fatto che la presenza del veicolo in oggetto agisca da deterrente contro le speculazioni. E non parlo della “sola presenza” a caso. Perchè il vero problema è proprio qui: il veicolo potrà agire con una leva di debito di 1:10. Significa che il veicolo potrà indebitarsi 10 volte la sua dotazione di liquidità. Spiego. Gli stati del G20 mettono 200 miliardi nel veicolo, che ne crea, all’occorrenza, 2000. Come? Indebitandosi sul mercato finanziario, con le banche. Devo sottolineare che anche dopo la pesantissima crisi finanziaria del 2008, in cui le Banche Centrali più importanti (BCE, Federal Reserve e Bank of England) hanno comprato titoli, soprattutto tossici, con operazioni dette di easying, mai si era nemmeno paventata l’idea di un veicolo stabilizzatore del sistema finanziario che possa agire con questa leva di debito. Proprio questa caratteristica fa del fondo un’arma a doppio taglio. Mettiamo che, per il fallimento di alcuni Stati conseguente ad un effetto domino ( Grecia cui segue Italia cui segue Spagna e così via) il veicolo stesso vada in crisi per via della sua spropositata leva finanziaria. La crisi contagerebbe tutti gli stati del G20, e di seguito le banche finanziatrici di tale debito. Ecco che uno strumento disegnato per evitare il contagio, paradossalmente rischia di aumentarlo a dismisura, e con effetti catastrofici.

Curano la febbre, con il cianuro. E voi giovani dove siete? A scrivere su Facebook le gaffe sulla Gelmini e il tunnel del Cern? Continuate così e il vostro futuro sarà un “epic fail”.

D. Manieri

Annunci

2 risposte a “Curare la febbre, con il cianuro.

  1. Sconcertante “silenzio” anche qui…. Che desolazione…. I giovani dove sono? Meglio partire subito con un governo tecnico commissariato da qualche “entità” estera… questo paese a volte sembra non “meritarsi”.

    • Meglio partire col svegliarsi tutti quanti, e capire che quando si parla di “popolo” e “italiani” si parla di noi, di me e di te. Invece, credevi fossero gli altri.
      Prendere coscienza che questo sistema economico e politico e’ morto, e tocca a noi, solo a noi cominciare a pensare al prossimo.
      Senza chiedere niente a nessuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...