IPOCRISIA

Dal greco hypokrynesthai, recitare una parte, sottogiudicare. Se c’è una cosa che non posso sopportare è l’ipocrisia, e le doppie file in pieno centro. Ma se su queste ultime ormai mi sono arreso, forse sulla prima si può lavorare. L’ipocrisia di chi si arroga il diritto, ad esempio, di protestare, senza sapere quello di cui parla.

Prendiamo le proteste contro la manovra economica e il governo. Studenti in agitazione, sindacati in sciopero, politici e giornalisti da mesi ormai protestano contro i tagli della manovra,  contro le nuove tasse imposte, contro le politiche economiche del governo che stanno portando il paese verso il default. Intendiamoci, io non sono contro la lotta; non lo sono mai stato e non lo sarò mai. La lotta è il respiro della vita. Io sono contro la lotta che non ha alcun senso, la lotta ipocrita appunto. Chi prima del luglio 2011 parlava di queste cose? Chi prima del luglio 2011 aveva mai sentito anche solo nominare le parole Default o Spread?

Abbiamo il 3^ debito pubblico del mondo da decine di anni, eppure solo ora ci si sveglia e ci si fa prendere dalla paura. Perchè lo scrivono i giornali, lo dicono i tg, lo paventa il governo. Ditemi l’ultima volta che qualcuno ha protestato per qualcosa che non piovesse dall’alto. Dicono che i giovani sono i paladini del libero pensiero. Io non vedo libero pensiero in giro. Vedo solo giovani lottare, protestare, indignarsi senza chiedersi se quello per cui lottano sia davvero quello per cui valga la pena lottare. Questa è ipocrisia, sottogiudicare, e quindi recitare una parte. Nei post che seguiranno prenderò spunto dai più comuni motivi di protesta, per esaminarli e tirar fuori l’ipocrisia insita in ognuno di questi. Solo così, forse, si potrà lottare un giorno per qualcosa per cui valga la pena farlo.

D. Manieri

Annunci

2 risposte a “IPOCRISIA

  1. L’ipocrisia e’ una malattia dalla quale difficilmente si guarisce, ma mi permetta di ricordare che quando qualcuno – non faro’ nomi: Santoro – mostravano le fabbriche che venivano chiuse, li si tacciava dicendo che mostravano un paese lontano dalla realtà. La stessa Gabanelli, quando raccontava di appalti pubblici come se fossero soldi privati, rischiava il posto. Quando l’anno scorso – non a Luglio 2011 – gli studenti manifestavano si diceva che era una protesta soltanto a scopi politici…

    Forse non si tratta di ipocrisia, ma semplicemente del fatto che prima di Luglio la situazione era “solo grave”, ora e’ “manifestamente grave”… Ed anche i più miopi se ne sono finalmente, forse troppo tardi, resi conto!

  2. Ha senso lottare quando ormai non si puo’ piu’ tornare indietro? Aveva senso prima quando la situazione era piu’ allarmante?
    Si protesta quando qualcuno gioca con dei fiammiferi accesi vicino a una pompa di benzina, e lo si ferma.
    Farlo quando l’incendio e’ iniziato che senso ha?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...